Spoleto

Posta strategicamente sull’antica Via Flaminia, Spoleto è una sorpresa per il viaggiatore: elegante, cosmopolita e ricca di scorci imprevisti e scenografici, questa città non nasconde nulla dell’importante ruolo rivestito nei secoli. Dalla Cattedrale romanica, all’insieme “mozzafiato” della Rocca con il Ponte delle Torri, l’itinerario si addentra nel centro storico con un ricchissimo patrimonio poco conosciuto. Città del “Festival dei due Mondi” è caratterizzata da una particolare raffinatezza che potrete sperimentare lungo le strade segnate dal susseguirsi di belle botteghe di antichità e di piccoli ristorantini dove la tradizione culinaria umbra viene declinata nella sua versione più “ricercata”.  

DA VEDERE IN MEZZA GIORNATA

Ponte delle Torri: imponente Ponte, Acquedotto e collegamento con il sacro bosco del Monteluco, capolavoro medievale ammirato anche da Goethe

Duomo: capolavoro del Romanico spoletino, domina con un forte impatto scenografico la celebre piazza del Festval dei Due Mondi. Straordinaria la facciata adorna culminante in uno splendido mosaico duecentesco. All’interno artisti di spicco quali Filippo Lippi, Pintoricchio hanno lasciato affreschi di grande bellezza a cui si aggiunge un raro crocefisso firmato dell XII secolo, opera di Alberto Sotio

Teatro Romano*: ancora utilizzato per le performance dello Spoleto Festival è visitabile all’ interno insieme al Museo Archeologico

Piazza del Mercato: antico “Foro” della città romana, è accessibile attraverso l’Arco trionfale di Druso e Germanico, affiancato dalla chiesa di Sant’Ansano che, realizzata utilizzando il podio di un tempio, contiene all’interno una cripta paleocristiana con interessanti affreschi del XI-XII sec
 
CON UN PO’ PIU’ DI TEMPO

Rocca Albornoziana: possente struttura militare e residenza papale è stata riaperta al pubblico come Museo “Ducale” che include la bella “Sala Pinta” con affreschi di cultura cortese.

Chiesa di San Salvatore: la più antica chiesa della Regione risale al IV-V secolo, epoca paleocristiana, entrata a far parte del patrimonio dell’Unesco nell'ambito del progetto "Italia Longobardorum" 

San Ponziano: monastero romanico con una cripta affrescata piena di fascino e di storia.

Quartiere medievale: una passeggiata che scenda dalla parte alta di Spoleto in direzione della Chiesa di San Gregorio e di Piazza della Vittoria permette di apprezzare alcuni dei momenti chiave della storia. Via di Porta Fuga, le mura in Via Cecili ci ricordano infatti l’assedio di Annibale dopo la vittoria al Trasimeno … inoltre chiese e scorci magnifici
 
E NEL TEMPO LIBERO…
Prodotti enogastronomici, olio d’oliva, tartufo. Tra giugno e luglio si svolge lo Spoleto Festival, vetrina delle espressioni artistiche quali teatro, musica e balletto.
 
ABBINAMENTI CONSIGLIATI A SCELTA TRA
Assisi, Spello, Foligno, Fonti del Clitunno e Tempietto del Clitunno, la Valnerina.

* ingresso a pagamento

 

TOP